Scienziate nel mito: Maria Sklodowska Curie, la donna che vinse due volte

galloIn questo seminario che si terrà il 7 marzo 2018 presso l’Aula Magna del Rettorato – Via Ostiense 159 – alle ore 20:30 la prof.ssa Paola Gallo, Presidente del CUG di Roma Tre, per celebrare la festa della donna 2018 ripercorre le tappe della vita della grandissima Scienziata Maria Sklodowska Curie.

Nata a Varsavia nel 1867 dopo un infanzia ed una giovinezza passata in Polonia compie gli studi Universitari a Parigi perché in Polonia le donne non potevano accedere all’Università. Dopo la laurea in Fisica e Matematica sposa il giovane ricercatore Pierre Curie e inizia a studiare con lui la radioattività dell’Uranio.
Poco dopo scoprono altri due elementi che sono naturalmente radioattivi, il Polonio (chiamato così da Maria in onore della Polonia) ed il Radio (chiamato così da Maria in quanto appunto
radioattivo, cioè capace di emettere radiazione).
Nel 1903 arriva il primo Nobel per la fisica, diviso tra lei ed il marito per metà e da Henri Bequerel per l’altra metà.
E’ la prima donna a vincerlo. Ad aprile del 1906 il marito muore in un incidente e Maria rimane sola con le sue due bambine. Segue un periodo difficile per lei. E’ la prima donna a diventare Professore alla Sorbonne a novembre del 1906 e vince, questa volta da sola, un secondo Nobel per la Chimica nel 1911 diventando il primo scienziato a vincere due Nobel e ad oggi l’unica donna.

Seguono gli anni dell’impegno per lo sviluppo della scienza e della scienza al servizio dell’umanità. Allo scoppiare della grande guerra fonda il suo Istituto per il Radio dove lavoreranno molti scienziati compresa la figlia Irene ed il marito. Dal 1914 al 1919 fa lastre ai soldati feriti e introduce la terapia al Radon in Francia. Muore nel 1934 pochi mesi dopo l’annuncio della figlia Irene e del marito di lei sulla loro scoperta della radioattività artificiale per la quale saranno anche loro insigniti del premio Nobel.

Paola Gallo è Professore Associato di Fisica della Materia Condensata Teorica presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre dove insegna corsi di Fisica della Materia e di Fisica Generale.

Si è laureata cum laude al Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi La Sapienza ed ha svolto il Dottorato in Fisica della Materia Condensata nell’Università degli Studi dell’Aquila. Ha proseguito l’attività di ricerca prima al Dipartimento di Nuclear Engineering del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (MA, USA) dal 1994 al 1996, poi all’Università La Sapienza dal 1996 al 1998 ed a Roma Tre dal 1998.

La sua attività di ricerca si svolge principalmente nel campo delle simulazioni al calcolatore di liquidi semplici e complessi e sopratutto di acqua in condizioni estreme, confinata ed in soluzioni. In questo campo ha dato contributi importanti per l’interpretazione della dinamica e della termodimica di questo importante liquido.

E’ autrice di centodieci pubblicazioni, varie su prestigiose riviste ad alto impact factor fra le quali Science, Nature Communications, Chemical Reviews, Physical Review Letters e Journal of Physical Chemistry Letters. Ha tenuto numerose relazioni su invito a Congressi Internazionali e Organizza a Roma Tre ogni due anni una Conferenza Internazionale sull’Acqua e tutti gli anni il ciclo di conferenze divulgativo “La Fisica Incontra la Città”. Varie delle sue ex-studentesse tesiste e dei suoi ex-studenti tesisti di Laurea e di Dottorato hanno proseguito ricerca. Dal 2016 è anche Presidente del CUG.