Libro: Interventi di contrasto alla discriminazione e alla violenza sulle donne nella vita pubblica e privata. Un’analisi multidisciplinare.

Arianna Pitino (a cura di), Interventi di contrasto alla discriminazione e alla violenza sulle donne nella vita pubblica e privata. Un’analisi multidisciplinare, Giappichelli Editore, Torino, 2015

dgcqbdvfl5wp_s4Abstract. I contributi raccolti in questo volume offrono una riflessione di taglio multidisciplinare – giuspubblicistico, storico e politico-sociale – sul tema delle discriminazioni e della violenza sulle donne nella vita pubblica e privata (lavoro, rappresentanza politica, relazioni familiari e affettive).

Il volume è il risultato di un’approfondita riflessione sviluppata da studiosi e studiose del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Genova. Il saggio introduttivo a cura di Arianna Pitino si focalizza sui percorsi della parità in Italia considerando tre argomenti fondamentali: la dimensione politica del voto, il lavoro e la violenza. Il contributo di Luigi Carli affronta invece lo stalking e la relativa normativa vigente. I successivi contributi si avvicinano a una dimensione familiare, approfondendo la questione dell’uguaglianza coniugale, evidenziando come, nonostante l’evoluzione sociale e giuridica verso l’uguaglianza all’interno delle relazioni familiari sia stata lunga e soprattutto lenta, sia stata oggi raggiunta, finalmente, l’uguaglianza normativa tra moglie e marito. Valentina Cavanna affronta poi la questione delicata del mobbing, sottolineando come le donne siano le principali vittime di discriminazioni, soprattutto per quanto riguarda retribuzioni, progressioni di carriera, flessibilità oraria e molestie sessuale. In caso di maternità tali discriminazioni possono acutizzarsi a danno della donna. Carmelo Danisi, sostiene i meccanismi di tutela messi in atto dall’Unione Europea, i quali hanno dimostrato di tutelare la donna senza dover cadere all’interno del paradigma basato sulla protezione di un soggetto debole. Il contributo di Monica Parodi indaga l’ambito lavorativo, valutando come il contributo dell’Unione Europea tuteli la donna lavoratrice che decide di diventare madre. La necessità di tutelare la donna lavoratrice è fondamentale nonostante il diritto stia garantendo, a piccoli passi, un’equa ripartizione tra i carichi genitoriali. L’ultima parte del libro affronta il problema delicato della relazione tra donne, potere e rappresentanza politica. Si ribadisce la centralità della figura maschile come unico modello di riferimento nell’ambito politico, ambito che esclude o mette in secondo piano la donna. Si afferma poi la necessità di un riequilibrio dei generi nella rappresentazione politica affinché venga garantita l’uguaglianza  e una migliore democrazia; sarebbe auspicabile quindi raggiungere un’adeguata rappresentanza femminile in Parlamento e aumentare la presenza femminile nelle istituzioni di governo locale. Mara Morini analizza il cosiddetto soffitto di cristallo quale barriera ancora esistente che, a parità di qualifica e di merito, non permette alle donne di raggiungere ruoli apicali e decisionali. Perché questa situazione cambi è necessario un cambiamento culturale e sociale che mostri alle nuove generazioni un modello femminile adeguato, paritario e non più subalterno all’uomo. Per concludere possiamo dire che nonostante i grandi e importanti progressi raggiunti a livello giuridico, numerosi e impervi sono ancora gli ostacoli che si frappongono tra le donne e il raggiungimento dell’effettiva parità tra i generi. Tale libro è un’invito per tutte a conoscere i propri diritti affinché si possa affermarli e tutelarli con maggiore consapevolezza, per percorrere insieme il cammino verso l’uguaglianza.

Leggi il libro gratuitamente: è disponibile presso la Biblioteca del nostro Ateneo