Completato il libro “FGM/C: from medicine to critical anthropology”

Logo_MAPFGM_02

Il 31 marzo scorso si è concluso il progetto “Multisectorial Academic Program to prevent and combat FGM” (https://mapfgm.eu), finanziato dal Rights, Equality and Citizenship Programme 2014-2020 of the European Union (JUST/2014/RDAP/AG/HARM) e di cui la Professoressa Fusaschi è stata Projet director per l’Ateneo di Roma Tre. L’equipe ha concluso i lavori con la pubblicazione di un libro dal titolo “FGM/C: from medicine to critical anthropology” curato dalla Prof.ssa Fusaschi e dalla Dott.ssa Giovanna Cavatorta (ISBN 9788864840321) che è possibile scaricare interamente al link: https://mapfgm.eu/wp-content/uploads/2018/03/Fusaschi-Cavatorta_ISBN_9788864840321_web-COP-1.pdf

“I nostri obiettivi principali sono stati quelli di ricollocare il tema delle MGF dentro un discorso antropologico scientifico e pubblico, cercando, quindi, di ampliare il tema della modificabilità dei corpi, non solo quelli femminili, a partire dalla storicizzazione e dal riconoscimento delle soggettività; criticare quegli approcci basati esclusivamente sulla medicina, così come sulla criminalizzazione, per evidenziarne rischi e limiti; esaminare le connessioni con le altre discipline e il loro potenziale conoscitivo; infine, estendere il tema ad ambiti geografici non consueti tanto nel continente africano che in quello asiatico. Abbiamo cercato  così di stabilire le condizioni di base per l’esercizio dello sguardo socio-etno-antropologico con particolare riferimento alla costruzioni sociali dei generi e alle biopolitiche dei/sui corpi per far emergere tanto i pregi ma, soprattutto, i limiti degli sguardi medico e normativo, i quali, a loro volta, comunque si richiamano ad un vocabolario antropologico che non appartiene loro.”

Prof.ssa Fusaschi