17/05/2019: Giornata internazionale contro omofobia, bifobia e transfobia

Oggi si celebra in 130 Paesi la XII Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia (o IDAHOBIT, acronimo di International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia). Questa ricorrenza è stata promossa dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia ed è riconosciuta dall’Unione Europea e dalle Nazioni Unite.

L’idea nacque da Louis-Georges Tin, curatore del Dictionnaire de l’homophobie, libro che racconta la vita di alcuni gay noti (come ad esempio Oscar Wilde). La prima Giornata internazionale contro l’omofobia ha avuto luogo il 17 maggio 2004, a 14 anni dalla decisione della OMS di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie (17/05/1990).

Tale proposta è stata ufficializzata e promossa dall’unione europea nel 2007, in seguito ad alcune dichiarazioni di autorità polacche contro la comunità LGBT. In quello stesso anno infatti l’europarlamento ha adottato una risoluzione sull’omofobia di cui gli articoli 8 e 10:

Art. 8: «Il Parlamento europeo […] ribadisce il suo invito a tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell’Unione europea senza discriminazioni»

Art. 10: «[…] condanna i commenti discriminatori formulati da dirigenti politici e religiosi nei confronti degli omosessuali, in quanto alimentano l’odio e la violenza, anche se ritirati in un secondo tempo, e chiede alle gerarchie delle rispettive organizzazioni di condannarli»

Tra il 2009 ed il 2015 sono stati incluse negli obiettivi di sensibilizzazione le comunità transessuale e bisessuale.

Il C.U.G. , fedele ai propri principi di uguaglianza e lotta alla discriminazione, vi invita al rispetto di tali principi oggi e sempre.